15 istruzioni per essere felice

Ogni giorno, milioni di persone restano intrappolate in una indefinita condizione chiamata “infelicità”. Dico indefinita, perché nella maggior parte dei casi, chi è prigioniero di questa condizione non riesce a esprimerne con chiarezza le origini e le cause, pur conoscendo perfettamente le caratteristiche con cui si manifesta: inquietudine, stress diffuso, dolore sordo, e una più o meno vaga sensazione di tristezza e di insoddisfazione che pervade il corpo e i pensieri.

Il più delle volte, ci si lascia andare a questa sensazione, e in alcuni casi le si consente persino di prendere il controllo della propria vita. In questo modo, si susseguono giornate che paiono sempre uguali, piatte e senza alcun apparente occasione di miglioramento. Se si è abbastanza fortunati da avere attorno a sé delle persone premurose e attente, è inevitabile che chi ci ama, sia un amico, un compagno, un genitore, un fratello o sorella, e qualche volta persino un figlio, provi a “tirarci su il morale”, magari con una battuta di spirito, con un gesto goffo, una giornata diversa o semplicemente un abbraccio.

Eppure, tu sai meglio di me che, svanito l’effetto del palliativo, si ritorna nuovamente in quello stato di “infelicità” da cui pare impossibile uscire. E anzi, il più delle volte ci si porta dietro quell’ulteriore senso di colpa che deriva dall’idea di aver deluso le persone che ci amano, non riuscendo a stare meglio, nonostante i loro tentativi di farci felici.

Perché accade tutto questo?

La risposta sta proprio nel corsivo che ho usato due righe più sopra. Il punto è che, aldilà delle infinite e soggettive definizioni con cui la si potrebbe esprimere, la felicità è una condizione che dipende essenzialmente da noi. Mi spiego meglio: per essere felici, è necessario avere una certa predisposizione alla felicità, che ci rende capaci di cogliere gli stimoli positivi e le opportunità che l’ambiente e le persone con cui viviamo ci offrono. In caso contrario, nessun amico, compagno, genitore, fratello o figlio che sia, potrà mai farti stare meglio, se tu per primo non lo desideri così intensamente da essere predisposto alla felicità, ovvero a raccogliere da ciò che ti circonda tutte le opportunità e le piccole grandi esperienze che possono renderti felice.

Ma come si fa a essere predisposti alla felicità?

La risposta è… allenandosi! Come un atleta si allena per vincere la gara e conquistare il trofeo, così tu, se vuoi essere felice, devi prepararti alla vita.

So che a questo punto ti starai già chiedendo come, e allora non voglio tenerti più sulle spine!

Una delle cose più belle che mi ha regalato il coaching in oltre vent’anni di attività, è stata la possibilità di vivere intensamente a contatto con le persone, di parlare con loro, di ascoltarle, di osservarle e aiutarle a raggiungere i propri obiettivi, quelli che le hanno portate un passo più vicine al loro sogno di felicità.

Proprio dalle persone che ho guidato in questi anni attraverso il coaching, ho dedotto che ci sono 15 cattive abitudini che impediscono alle persone di essere veramente felici. Liberarsi da questi comportamenti dannosi, è il primo passo per lasciarsi alle spalle la condizione di “infelicità”.

Ecco allora le mie 15 istruzioni per essere felice!

  1. Ammetti di avere torto, quando hai torto. Una parte di te lo sa bene: non c’è modo più veloce e sicuro di rovinare una relazione che pretendere di avere sempre ragione. Forse è proprio la parte di te che oggi paga il conto di questa pessima abitudine. Fidati: spesso è vero che “La ragione è dei fessi”…E sai anche tu che non vuoi esserlo, vero?
  2. Finiscila con la mania del controllo! Se davvero desideri circondarti di persone autentiche, devi rinunciare a controllarle. Non lasciar vivere, e quindi esprimere, le persone che fanno parte della tua vita, è il modo migliore per coltivare ipocrisie e menzogne, con le quali dovrai, prima o poi, fare i conti. Pensi che ne valga la pena?
  3. Assumiti la tua parte di responsabilità. Torniamo a quello che ti dicevo all’inizio: essere o non essere felice dipende soprattutto da te. Perciò finiscila di colpevolizzare gli altri per quello che hai o non hai, di come ti senti o non ti senti. D’altra parte, perché ti è stata data una vita, se poi sono gli altri a gestirla?
  4. Spegni il tuo dialogo interno. Ciascuno di noi ha dentro di sé una vocina, che in gergo si chiama fattore critico, che si diverte appunto a esprimere giudizi, spesso impietosi, su tutto ciò che siamo e che facciamo. Questa vocina della coscienza è chiaramente solo una tua proiezione, ma ti assicuro che può avere effetti devastanti quando alimenta pensieri negativi e pessimisti. Per fortuna, è possibile imparare a controllarla e spegnerla quando necessario. Migliaia di persone prima di te hanno scelto le migliori tecniche di auto-ipnosi e ipnosi e ne hanno tratto grande beneficio.
  5. Liberati delle tue convinzioni limitanti. Spesso accade di rinunciare alle cose senza averci neppure provato, solamente perché la vocina di cui ti parlavo aveva detto “non ce la farai”, “è impossibile che tu ci riesca” In altre parole, le nostre azioni sono sabotate più dai pensieri bloccanti – ovvero le convinzioni limitanti – che dagli errori effettivi. Liberatene! La Pnl è la tua più valida alleata in questo!
  6. Pensa positivo! Anche se non possiamo cambiare la realtà, possiamo decidere come reagirvi: il modo in cui guardiamo la realtà, è la nostra realtà! Perciò, smettila di lamentarti e fa’ tua questa semplice ma potentissima frase: “La vita è uno specchio: sorride se tu le sorridi”!
  7. Smettila di criticare! Lascia andare il bisogno di criticare cose, persone, situazioni che sono diverse da te o da come te le aspettavi. Siamo tutti diversi, e ciascuno ha la sua personale storia, che lo ha portato ad essere esattamente com’è. Rispettala, e ti accorgerai di quanto può essere bello il mondo!
  8. Sii te stesso. Uno degli errori più comuni che ho riscontrato in questi anni nei miei coachee, è che cercavano disperatamente di essere qualcuno che non erano al solo fine di compiacere gli altri. Il risultato è stato chiaramente controproducente e con risvolti davvero devastanti sulla qualità della vita. Accettarsi è il modo migliore per essere accettati e amati per quello che si è. Inizia subito, getta via la maschera e amati!
  9. Abbraccia il cambiamento. Ci sono forze a cui non si può resistere, onde che per essere affrontate hanno bisogno di essere cavalcate. Il cambiamento è una di queste onde: sii il coraggioso surfista della tua vita e vedrai che risultati eccezionali non tarderanno ad arrivare!
  10. Lascia andare le etichette. Apri la mente e smettila di etichettare cose, persone o situazioni che non comprendi solo perché in quel momento ti appaiono diverse o strane. Einstein diceva che “La mente è come un paracadute: funziona solo quando è aperta”. E se lo ha detto Einstein, pensi di poterlo contestare?
  11. Affronta le tue paure. La paura è umana, ed è assolutamente comprensibile che tu ne abbia avuta almeno una volta nella tua vita. Ma sai meglio di me che in fondo si tratta solo di una proiezione, ed è ingiusto che ti blocchi nel fare o non fare qualcosa. Affrontala, e sarai invincibile!
  12. Lascia gli alibi a casa. Insomma, i delinquenti hanno bisogno di alibi, i colpevoli, le persone che necessitano di giustificarsi. Tu vuoi davvero essere una di queste persone? Se la risposta è no, smettila di trovare scuse a tutto, concediti il lusso di raccontare sempre la verità a te stesso e agli altri. La strada verso la felicità sarà molto più nitida!
  13. Lasciati il passato alle spalle. Se si chiama passato, un motivo ci dovrà pur essere. La tua vita è qui e ora, e non ha alcun senso portare continuamente la tua attenzione al passato. Concentrati sulle cose che puoi fare oggi, perché ti accorgerai dell’enorme potere che hai!
  14. Impara a staccarti dalle cose. Lo so che è difficile, ma arriva un momento nella vita in cui devi prendere le distanze, soprattutto se le cose o le persone a cui sei ancora attaccato non ti fanno più bene. L’attaccamento nasce dalla paura, e ormai tu sai che si tratta unicamente di una tua proiezione. Esercita questo benefico distacco, e vivrai una vita molto più serena e felice!
  15. Chiediti se sei felice. Arrivati a questo punto, puoi rifare a te stesso la domanda iniziale: sono felice? E se la risposta dovesse essere ancora no, hai ora tutti gli strumenti per chiederti: voglio essere felice? Cosa posso fare fin da subito per raggiungere la felicità che desidero? Da’ valore alla tua vita: è la cosa più preziosa che tu possieda, e che ti è persino stata data in dono!

Se hai trovato utile questo articolo o se pensi che possa essere utile a qualcuno a te vicino, condividilo e fa’ in modo che queste semplici istruzioni arrivino in ogni luogo in cui c’è una persona che desideri essere accettata e amata, e voglia essere felice! Se in questo percorso verso la felicità, senti di avere bisogno di una guida, di un coach che possa accompagnarti verso ciò che più desideri, allora contattami e ti dirò come fare!

Copyright 2019 Coach Italy Performance Coaching Academy. Tutti i diritti sono riservati. Powered by 4mancons.it